Puledri e femmine terribili a Varese

Criterium Varesino e La Novella i perni della serata.

– Criterium Varesino –

Il Criterium Varesino, corsa clou del periodo estivo per i 2 anni a livello
nazionale, conferma giustamente il suo status di Listed Race, simbolo di
un galoppo prealpino che regala spesso discreti prospetti per il futuro.


Lo ha fatto negli ultimi anni con soggetti del calibro di Gladiatorus,
Priore Philip e Dionisia per citarne tre che poi si sono aggiudicati prove
di Gruppo 1, non solo in Italia ma anche all’Estero, come Gladiatorus ad
esempio che era stato acquistato da Godolphin per vincere in Dubai.

L’anno scorso il team Marcialis aveva presentato Eagleway, che non era riuscito a vincere il test prealpino per via di un pizzico di sfortuna ma poi si era consolidato
in terra transalpina affermandosi a livello di Listed. Quest’anno ci
riprovano con giuste ambizioni presentando Gerardino Jet, il quale ha fallito
nel Primi Passi dopo due vittorie in due uscite, e nell’occasione
potrebbe rifarsi con gli interessi, sempre se si dovesse adattare al
percorso con due curve e all’allungamento della distanza. Condizioni
senz’altro decisive che invece ha dimostrato di possedere Coccoloba, lo
stimato allievo dei Botti che, dopo un debutto normale, ha palesato un
progresso importante confermato da un successo pulito e confortante. Sarà
lui quello da battere per tutti, anche per la compagna di training Play
The Break
, la femmina terza del Crespi, ma in particolare per lo squadrone
di Grizzetti
, che presenta in primis il portacolori della Montalbano,
Caballero Chopper, che ha seguito proprio Coccoloba nella corsa di
preparazione sul tracciato, nella quale ha subito un po’ il nuovo
percorso. I tre Alfieri di scuderia Lekhin, Sa Paradura e Sky Whale hanno
mostrato di saper muovere le zampe: il primo ha siglato una maiden
sulla pista, mentre gli altri due, nonostante non abbiano ancora vinto in
carriera, sono pronti ad un ulteriore miglioramento per giocarsi almeno
una piazza. Più dura infine per Hidden Horizon che però non parte battuto
viste le linee milanesi.


– La Novella


Una delle corse più emozionanti della kermesse prealpina è sempre stato il
Premio La Novella, l’handicap principale per sole femmine di 3 anni e
oltre
sui 1600 metri. La campionessa uscente Eufemia si ripresenta come la
cavalla da battere per tutte, il peso è vantaggioso, lo steccato perfetto,
dietro le prime potrà poi tirar fuori l’allungo risolutore. La corsa
è nobilitata quest’anno dalla presenza di Musa D’Oriente, una delle
migliori specialiste del chilometro e mezzo in Italia, plurivincitrice a
livello di Listed e piazzata di Gruppo, dovrà far fronte ad un peso
super oneroso ma potrà giocare sulla maggiore classe che
possiede. La regina del galoppo nazionale sarà coadiuvata dalla compagna
di training e colori Oakville, piuttosto progredita durante la primavera e
inizio estate, che tenta giustamente il salto di categoria con ambizioni
di piazzamento. La linea di Oakville porta a My Grey Hope, un po’
sfortunata in quell’occasione è pronta a rifarsi, in una corsa dove ha
vinto Sweetness la quale però perde tanti chili dalle rivali. Corsa molto
aperta nella quale anche Yakima e Pizzo Carbonara meritano molta
attenzione, due cavalle tenaci pronte a lottare per un compenso,
mentre è da verificare sulla pista Irish Girl, che ha tentato in passato
corse più impegnative, e la giovane Nashwan Poy.


– Le altre corse –


In apertura tra i puledri si potrebbe profilare un match tra Darth Maul e
Unique Bella.

A seguire piace molto la scarica Ipazia, che dovrà prestare
attenzione alla progredita Fine Dream.

Da segnalare la prova riservata alle amazzoni, abbinata al Fegentri World Championship Lady Riders 2019
nella quale segnaliamo South Dakota, di recente seconda sulla pista dietro Dress Drive.

Infine una bella prova per velocisti nella quale ci stanno
in tanti ma noi segnaliamo Bentleysoysterboy e Chill Gioffry.

Jacopo D’Elia in collaborazione con Trotto&Turf

Musa d’Oriente, top weight del Premio La Novella