Listed + HP sabato a Varese

Analisi e pronostici delle corse by Jacopo D’Elia

Appuntamento da non perdere sabato sera a Le Bettole, c’è in palio il Criterium Varesino Memorial Virginio Curti, Listed Race riservata ai puledri sulla distanza del chilometro e mezzo, corsa che conta tra i vincitori passati buoni prospetti futuri. Chiuderà il convegno il tradizionale Premio La Novella, Handicap Principale per sole femmine sul miglio.

Partiamo con ordine, aprono le danze i gentleman riders e le amazzoni nel Premio Agriturismo Nicolini, valido come Trofeo A.G.R.I, handicap ad invito sulla distanza del doppio chilometro allungato. Jolly Jack è in credito con la sorte dopo esser stato pizzicato sul palo nella recente apparizione e da 3/1 in su può essere una bella giocata. La corsa rimane aperta perché Larmor ha linea comune e col gioco dei chili torna in corsa, Battle Commence viene riportato sulla distanza dopo non aver convinto sul miglio, ma occhio in basso a Mati Megabyte e a Surfa Rosa.

Si prosegue con la prova per puledri a caccia del primo sigillo in carriera. Difficile trovare un favorito netto. Diamo fiducia a Fontaine d’Argent, che ha provato a livello di listed a Roma e da 4/1 si può appoggiare a patto che si adatti al tracciato. La compagna di training Cosifantutte ha preso la tangente in curva all’esordio sulla pista per finire allo steccato opposto non lontano: se la prendesse dritta conterebbe molto. Su quella linea c’è anche Los Infieles, bella chance coadiuvata dalla compagna Lady Lilly, che ne ha fatta solo una in carriera, non ha figurato, ma era chiacchieratissima: attenzione.

Il Premio Silvio Carletti, handicap sui 1600 metri, ha in Fortissimo una base piuttosto solida dopo il secondo posto un po’ sfortunato ottenuto di recente. A 2/1 si va dritti con l’allievo dei Simondi, tirando in ballo ovviamente Sharkattack, che lo ha preceduto e sarà affiancato presumibilmente dal compagno di colori Such a Fool. Dalla Toscana si sposta Marco Gasparini con City of Stars, già vincitore sulla pista e con sistemazione in perizia invidiabile. Oakville ha preferito correre qui piuttosto che tentare La Novella (forse troppo “schiacciata” in perizia), altra possibile alternativa la compagna di allenamento Piazza di Siena, vista in miglioramento.

Nella prova per velocisti, il Premio La Cucchetta B&B, si rivedono due recenti facili vincitori di prove simili, ovvero Soubretta e Vami’s Dream, entrambi con grosse chances di replica. Preferiamo di poco la femmina con quota intorno a 2/1, che ha un peso non semplice ma lo schema e l’adattabilità al tracciato potrebbero fare la differenza anticipando sul percorso il rivale. Terzo incomodo Twilight Eclipse, sempre positivo anche se fatica a trovare il successo. Opaline Dusk, dopo la vittoria in maiden, prova ad affrontare gli anziani.

Eccoci al Criterium. Intrigano in particolare tre soggetti, che però testano per la prima volta il tracciato: Havana Love, Callistemon e Terrible Land. La femmina presentata dai Botti ha perso male il Perrone a Roma da una coetanea stimata e su distanza un filo breve. Dovrebbe migliorare con 300 metri in più e poi Alduino Botti ha negli ultimi anni uno strike rate eccezionale in questa corsa. Antonio Marcialis presenta Terrible Land, un Territories acquistato alle aste Sga/ITS che ha vinto la sua maiden di forza dopo la piazza d’onore dell’esordio in mezzo a due coetanei che hanno poi battagliato nel De Montel, tra cui Callistemon terminato secondo. Il pupillo dei Simondi non ha sbagliato nulla dopo il debutto tranquillo su distanza corta. Le linee dirette tirano in ballo Andromaca e Danubio Blue, protagonisti di una bella lotta sulla pista ma sembrano un filo sotto a questi tre.

Si chiude la serata di gala al femminile con La Novella, unica prova abbinata al palinsesto dell’Ippica Nazionale, in cui si rivede sulla pista la vincitrice della passata edizione Eufemia. La Ramonti del Sig. Crespi ha palesato ulteriori miglioramenti e ha più chili rispetto ad un anno fa ma tutte le carte in regola per bissare quel successo. A 3/1 andiamo dritti con lei, che è anche la scelta di Dario Vargiu e “lascia” a Salvatore Sulas la compagna di training Nashwan Poy, fresca vincitrice del Mirko Marcialis. Runner up di quella occasione è stata Gabriella, finita con del buono in mano dopo gara d’attesa e guadagna qualcosa al peso rispetto alla rivale. Invidiabile la sistemazione di Yakima, sorpresa possibile nonostante non sia al top della condizione e su tracciato non preferito, l’anno scorso ha però collezionato un buon terzo posto nell’Ancilla e Disma Ferrario. Da rispettare come sempre Musa d’Oriente, che ha steccato il Borghi ma sicuramente potrà fare meglio contro rivali di pari sesso. Da verificare le 3 anni Mera di Breme e Laurus Nobilis.

Jacopo D’Elia in collaborazione con Trotto&Turf