Convegno misto sabbia-erba

I favoriti di Jacopo D’Elia di mercoledì 13 ottobre

1ª corsa – Premio Okkaido – Spazio ai puledri in apertura con una reclamare sul chilometro e mezzo della pista in sabbia. Lamialady ha sfiorato il successo a Roma sull’all weather in una prova simile. Favorita d’obbligo con a ruota il compagno di training Iskandal, sempre un po’ dispersivo. Yellowstone Boy nella categoria merita considerazione, allunga il metraggio e dovrà adattarsi alla superficie. Damnatio Memoriae ha già testato il dirt ed è una sorpresa non impossibile così come la regolare Sopran Ashley e Al Joy, che scende di livello dopo aver provato invano due maiden.

4 Lamialady *** 3 Iskandal ** 8 Yellowstone Boy ** 2 Damnatio Memoriae * 5 Sopran Ashley * 1 Al Joy *

2ª corsa – Premio Scuderia Erasec – Tocca ai 3 anni nella prima delle due maiden a loro riservate, quella sul doppio chilometro allungato. Brisighella si rivede dal quarto posto ottenuto in luglio a San Siro contro coetanei smaliziati. Con un piccolo passo in avanti dovrebbe lottare per il successo anche se Coloratura Soprano è un’altra che non ha fatto male finora, come certificano gli ultimi due piazzamenti. Lady Nicole si è piazzata in una prova analoga così come Temptation, bene sulla pista alla prima esperienza italiana, e sarà coadiuvata dall’inedita Magic Meeting. L’importata Lady Argento non ha fatto vedere granché in UK ma è da tenere presente assieme al vicino di box Hakanhan.

1 Brisighella *** 2 Coloratura Soprano ** 7 Temptation ** 5 Lady Nicole * 4 Lady Argento * 3 Hakanhan *

3ª corsa – Premio Arena Civica – Primo handicap varesino per i puledri sul miglio. Griffe de Chat è la nostra base, ha mostrato adattamento alla distanza seguendo nell’ultima occasione un coetaneo stimato. Rugiada Preziosa ha vinto a reclamare ma lo ha fatto con bel recupero battendo tra l’altro una rivale che poi si è ripetuta. Brando’s Power è un filo dietro col gioco dei chili ma potrebbe migliorare così come Ronin e Mitica Magic.

1 Griffe de Chat *** 2 Rugiada Preziosa ** 3 Brando’s Power * 6 Ronin * 5 Mitica Magic *

4ª corsa – Premio Scuderia Aterno – L’altra maiden per soli 3 anni sul chilometro e mezzo. Campo non troppo qualitativo, come capita spesso in una prova similare di fine anno. Eleggiamo in cima alle preferenze Polastri, che in handicap ha un peso elevato e nel contesto potrebbe centrare il primo sigillo della carriera. Ophelia Frump ha corso con onore a reclamare pochi giorni fa sulla pista ed è un’alternativa al pari dell’ex francese Wendy Rhoades, che oltralpe però ha combinato poco nulla. Smiling Face si è sempre comportata discretamente a livello di handicap e merita attenzione, Voice of Dragon accorcia i metri, Sheratan è alla terza corsa in cerca di qualifica. Gli altri due debuttano.

4 Polastri *** 2 Ophelia Frump ** 8 Wendy Rhoades ** 6 Smiling Face ** 7 Voice of Dragon * 5 Sheratan *

5ª corsa – Premio Armando e Roberto Renzoni – Il clou di giornata è rappresentato nel Premio intitolato ai Renzoni, un handicap limitato sul doppio chilometro allungato abbinato alla II Tris. Golden Dubawi, un 3 anni con ambizioni classiche, non ha confermato appieno la stima riposta e viene dirottato in handicap, nel quale a conti fatti dovrebbe essere il perno. Sadalsuud ha corso molto bene al rientro contro la runner up del Città di Varese e, a patto di un terreno almeno morbido, dovrebbe essere della partita. Su quella linea Benazzi e Desire to Fire rientrano nei giochi. Il fondo pesante, che difficilmente ci sarà, aiuterebbe pure Maeva di Breme, che torna ad allungare la distanza dopo aver dimostrato di essere una miler di rango. Stuzzica la sorpresa di Notturno Ligure, un front runner naturale con un peso stavolta alla sua portata.

3 Golden Dubawi *** 2 Sadalsuud ** 4 Maeva di Breme ** 6 Benazzi * 1 Desire to Fire * 5 Notturno Ligure *

6ª corsa – Premio Walid – La consueta prova per gentlemen riders e amazzoni. Si rinnova lo scontro tra Inaspect e Sopran Manny, con quest’ultimo che rosicchia qualcosa al peso alla rivale. A questi due però anteponiamo Gordon Gekko, che torna sul dirt dove ha vinto tra i fantini, e soprattutto Sopran Fan, nonostante la tonnellata in sella e protagonista di una sola apparizione in carriera sulla superficie nella quale aveva disperso i rivali. Belkhab è una sorpresa plausibile al pari di Nameless.

1 Sopran Fan *** 2 Gordon Gekko ** 3 Sopran Manny ** 5 Inaspect ** 4 Belkhab * 8 Nameless *

7ª corsa – Premio Vittuone – Si chiude con l’altra II Tris, handicap per specialisti della sabbia. Non di semplice lettura anche se Rocolett, Val Winkle e Goldfinger non hanno bisogno di particolari menzioni visto che sulla superficie sanno leggere e scrivere. Amici Miei e Angry Duffy vanno forte ma hanno un peso sicuramente impegnativo al pari del giovane Dottor Zivago, che sperimenta il dirt per la prima volta, mentre l’altro 3 anni, Principe Force, è alla prima uscita sull’anello prealpino dopo aver cambiato colori e training. L’esperta Kelvin Hall, Bogogno, visto in ripresa, e Burla dei Grif, sono sorprese non impossibili in una prova aperta a tutte le soluzioni.

1 Rocolett *** 10 Val Winkle ** 8 Goldfinger ** 2 Amici Miei ** 3 Angry Duffy * 4 Dottor Zivago * 5 Principe Force *

Jacopo D’Elia in collaborazione con Trotto&Turf