Borghi: sport a tutto tondo

Il convegno di sabato 27 analizzato da Jacopo D’Elia.

Non si può parlare di sport a Varese senza fare riferimento al Cumenda, il Cavalier Giovanni Borghi, un’icona non solo della Città Giardino ma di una nazione intera. Grazie alle sue intuizioni e alla sua generosità una cittadina provinciale come Varese, con base a Comerio, è riuscita ad arrivare ai vertici del basket europeo e non solo, visto gli ottimi risultati nel calcio, nel ciclismo e nel pugilato, oltre che naturalmente nell’ippica. Sotto il marchio Ignis il galoppo prealpino ha vissuto il massimo dello splendore, emblema di un’epoca che non tornerà più.

Come da tradizione porta il suo nome l’handicap principale per miler di buon lignaggio, clou della serata, che vedrà al via 9 partecipanti racchiusi in una forbice di 11 kg e mezzo. La sistemazione nella scala dei pesi e l’ottimo finish fornito nell’Ermolli, la prova gemella, fanno di Sun Devil un favorito solido, che guadagna peso rispetto ad Elixir of Life, che lo ha preceduto proprio in quella corsa e che conta ancora molto, e a City of Stars (vedi la linea milanese), che ha vinto in maniera assolutamente facile nella sua ultima corsa proprio sul tracciato. Questi tre sono avanti nelle nostre scelte su Amintore, molto atteso nell’Ermolli nel quale non ha brillato a cui va però concessa una pronta replica, poi occhio come sempre alla carta Botti ovvero il top weight Checkmark e al 3 anni Mondorame, che correrà sotto i colori della Montalbano, la giubba di famiglia Borghi che regalerebbe una vittoria doppia…

L’altra prova di spicco della serata è il Bruno Bernasconi, un valido test in ottica GP, nel quale Fambrus può far fronte al peso impegnativo dopo l’ottima performance sul tracciato, mentre la femmina La Grande Assente ha un conto aperto con la sorte dopo aver perso male il Benetti. Terzo incomodo lo scarico Desplusenplus che ha fornito un bel finale nella sua più recente apparizione qui a Varese, anche se in categoria inferiore.

Più che discreto anche il Castellini, riservato ai soli 3 anni , nel quale si ritrovano Nabeeha e Airvi finiti molto vicini in un recente match, ma attenzione a Star Fruit e Dolcedo che dovranno adattarsi al percorso.

In apertura spazio ai gr e alle amazzoni con Dress Drive che proverà a bissare un recente successo ma dovrà prestare molta attenzione a Lady Farhh.

Nella reclamare per sabbiaroli provetti Duchamp nonostante la veneranda età resta quello da battere per Goldfinger e il giovane Levado.

Nella prova per puledri Poesia di Strada è pronta a replicare anche se con qualche metro in meno. 

In chiusura Keep Right e Mutineer sembrano una spanna sopra gli altri.

Jacopo D’Elia in collaborazione con Trotto&Turf