Aspettando l’estate

Jacopo D’Elia analizza l’ultima riunione invernale

Tutto pronto per l’ultimo appuntamento della stagione autunno/inverno dell’ippodromo Le Bettole di Varese, in attesa della riapertura estiva in programma per sabato 3 luglio.

La riunione di mercoledì 3 marzo è avvincente con cinque corse piuttosto incerte per il folto numero di partenti, in particolare la prova di chiusura, abbinata alla II Tris di giornata. Partiamo ad analizzare proprio il Premio Marbaye che vedrà al via ben 16 partecipanti di 3 anni, in una condizionata sui 1400 metri. Si rivede dopo più di tre mesi di assenza dalle competizioni Bonjour Tristesse, che ha tentato senza demeritare il Dormello e, seppur con le incognite del rientro e dell’adattabilità al tracciato, potrà far valere lo spessore personale. Bias Power è un’altra femmina di qualità e seppure ancora maiden in carriera ha frequentazioni molto buone, come dimostra il curriculum. Vale lo stesso discorso appena fatto per Bonjour Tristesse: condizione? Feeling con sabbia e tracciato? Certo è che potrà avvalersi del discarico di 4 chilogrammi dell’allieva. Archibar ha vinto in bello stile sul tracciato ed è una possibile base, attenzione a Pulsing Heart, mentre Borntodare e Sopran Sharon hanno già fatto molto bene sulla pista quindi non vanno affatto esclusi.

Anche la prova d’apertura, il Premio Face of Love,  ha racchiuso un ottimo numero di partecipanti, 11 al via (non partente Lost in the Wind) nel consueto test per amatori sui 1950 metri. Teniamo buona la linea che ha visto Blumont precedere di poco Inventi e Petite Malle, quest’ultima peraltro si è subito ripetuta centrando il bersaglio pieno. Anche Goldfinger e Daoub possono inserirsi grazie a riferimenti sempre positivi sul tracciato.

Si prosegue con il Premio Kaa, un bell’handicap sul chilometro e mezzo nel quale Willy il Coyote cercherà il quarto successo in cinque uscite. Situazione ponderale difficile ma non impossibile per questo soggetto che dopo tantissime corse senza vittoria ha iniziato a prenderci gusto grazie al nuovo training e al feeling col circuito prealpino. Non sarà facile vista la presenza di molti soggetti provenienti dalla TQQ, tra i quali spiccano Tekedici e Salsapoppy, oltre a Zoben e a I Believe in You, quest’ultimo ha invece vinto col del buono in mano al rientro in categoria decisamente più bassa.

Eccoci al Premio Shirlen, prova sui 2100 metri nella quale, nonostante il peso, lo specialista Alshalaal potrebbe regalare l’ennesimo successo al suo team. Shamando e Ostentation hanno vinto molto facilmente nelle rispettive corse e sono avversari da non sottovalutare così come il rientrante Antboy, che su questo tracciato aveva fatto intravedere dei buoni mezzi.

Completa il palinsesto una maratona sui 2600 metri, il Premio Albert Tota. Ci riprova Make Mischief su metraggio ideale, Val Winkle allunga ma la distanza dovrebbe essere nelle sue corde, infine occhio al pesino di Firdus, pronto al risalto pieno.

Jacopo D’Elia